Ristoranti, Vacanze, Viaggi

Atene in un weekend: cosa vedere

Atene in un weekend: cosa vedere, dove mangiare e come divertirsi. Sono partita insieme a 3 amiche per questa stupenda città a Ottobre. Partiamo subito col dire che Ottobre è un mese perfetto per visitare la città, fa ancora caldo ma non troppo, la temperatura va dai 20 ai 27 gradi, scende un po’ di più la sera.

Atene in un weekend: primo giorno (venerdì)

Siamo arrivate nel nostro appartamento zona Monastiraki nel primo pomeriggio di venerdì. Ci siamo sempre mosse a piedi, avviso però che abbiamo fatto 36 km in un weeekend quindi, se non amate camminare, prevedete degli spostamenti in taxi o in metropolitana.

La prima tappa è stata il Museo Archeologico Nazionale. Non troverete un’audio guida quindi organizzatevi con una guida on line o cartacea in modo da riuscire a fare una visita più approfondita. Troverete la maschera funeraria di Agamennone e altri reperti preistorici.

Nelle sale troverete sia una collezione di bronzi, tra i quali quello di Poseidone – imponente e molto bello- sia una collezione di marmi, dai meno definiti a quelli più recenti con più particolari. Troverete ad esempio le statue di Hermes e Afrodite.

Da qui abbiamo preso un taxi fino a Kolonaki che è uno dei quartieri più eleganti dove si trovano anche boutique di marche di lusso. Ci sono moltissimi bei locali dove fare un aperitivo, noi abbiamo scelto il Ruins Athens Urban Area.

La sera abbiamo cenato in un ristorante molto bello con una meravigliosa vista sull’Acropoli. Obbligatorio quindi cenare in terrazza. La cucina è greca, ho mangiato un ottimo agnello con patate ed anche la moussaka era molto buona. Per i prezzi del luogo è abbastanza caro, circa 40 eu a testa bevande incluse, ma è molto bello: Attikos.

 

Atene in un weekend: secondo giorno (sabato)

Il sabato mattina è stato interamente dedicato alla visita dell’Acropoli e del Museo dell’Acropoli. Non abbiamo preso il biglietto on line ma non c’era molta coda, assolutamente fattibile. Troverete delle guide anche in italiano ma noi abbiamo sempre usato la nostra guida on line.

Inutile dire che l’Acropoli è uno spettacolo meraviglioso e dovete per forza poi vedere il museo perché quelli che vedete nell’Acropoli non sono i resti veri ma solo le riproduzioni. Tutto è conservato nel Museo come ad esempio le Cariatidi dell’Eretteo, in realtà nemmeno tutte perché una (o due, non ricordo) sono al British Museum di Londra.

Il Museo è qualcosa di spettacolare, moderno e tutto a vetri permette di vedere le cose con la luce del sole e mentre farete la visita avrete la vista sull’Acropoli. Veramente da non perdere.

Uscendo dal museo siamo andate a pranzo, è pieno di ristoranti super turistici ma allontanandovi un po’ troverete l’Athina Souvlaki un posticino minuscolo con i tavoli fuori dove abbiamo mangiato un gyros pita buonissimo, spendendo 20 euro in 4.

Abbiamo poi fatto un giro per Plaka, una zona piena di viette con ristoranti e negozietti di souvenir e prodotti tipici. Fate un salto da Brettos, un’antica distilleria dove poter fare anche degustazioni di ouzo.

Plaka

La giornata è proseguita con la visita all’Agorà. Molto bella da vedere verso sera, prima della chiusura, immaginandosi la vita di un tempo. Molto suggestivo è il Tempio di Efesto con la luce calda della sera.

Tempio di Efesto

Non perdetevi un aperitivo o un dopo cena da Baba Au Rum rimarrete incantati davanti al Bartender. Mi raccomando non perdetevelo. Ho bevuto un Negroni con il rum veramente spettacolare.

La sera abbiamo cenato a Luois Cafè in una zona un po’ più periferica, dove in effetti non mi sarei mai fermata ma ci era stato consigliato da un’amica del luogo. Prendete alcuni piatti da dividere e godetevi l’atmosfera assolutamente locale.

Atene in un weekend: terzo giorno (domenica)

Domenica siamo partite verso le 12 quindi abbiamo avuto il tempo di fare un giro al Mercato delle Pulci che parte da una vietta dietro piazza Monastiraki. Troverete cianfrusaglie, posate, piatti e di tutto un po’. Vale la pena fare un giretto veloce. Curioso è anche il cambio della guardia a Piazza Syntagma davanti al Parlamento.

Mercato delle Pulci

 

Abbiamo proseguito per una visita velocissima al Tempio di Zeus prima di riprendere il taxi verso l’aeroporto. La tariffa taxi-aeroporto dovrebbe essere 38 euro, sempre che il tassista non inventi qualche scusa come con noi. Ad ogni modo fate presente la tariffa e buona Atene.

Nella sezione viaggi trovate suggerimenti anche per altre mete.

(Visited 242 times, 1 visits today)