Una notte tra le opere d’arte #Segafredo4art

14 Febbraio 2015

Mostra Segafredo4art Vicenza

“Che cos’è per voi la notte?” è con questo quesito che si è conclusa la visita a Vicenza della mostra “TUTANKHAMON CARAVAGGIO VAN GOGH La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento”

Per me la notte è sempre stato un momento di riflessione e di introspezione. Ho sempre avuto bisogno della notte per ripensare al giorno passato e prepararmi ad affrontare nuove sfide. Di notte penso ai progetti futuri e cerco di pianificare.

Certo, tutto questo se Giuditta dorme 🙂 Scherzi a parte, voglio davvero raccontarvi di questa serata, unica e speciale.

Segrafredo Zanetti è uno dei marchi italiani più amati, sia in Italia che nel mondo. Per il terzo anno consecutivo sono Main Sponsor delle grandi mostre italiane curate da Linea D’ombra di Marco Goldin.
Nel 2013 con la mostra Verso Monet a Verona, a seguire nel 2014 La Ragazza con l’orecchino di perla a Bologna ed infine questa mostra a Vicenza, La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento.

Trovo una cosa bellissima che si investa in Arte. L’arte rappresenta il bello che abbiamo con la sua ricerca di perfezione e l’attenzione per ogni dettaglio.

Il curatore della mostra Marco Goldin ci ha personalmente presentato la mostra spiegando il percorso che avremmo affrontato passando dalle diversi settori della mostra.
La notte non è rappresentata solo dal punto di vista naturalistico e romantico ma si tratta di un’esperienza dello spirito.

Nella prima sala è curioso vedere a confronto due opere di epoche così distanti come la Testa di Tutankhamon ed un legno bassorilievo di Antonio Lòpez Garcìa del 1963.
Tutankhamon sembra un’apparizione dentro la notte del tempo e a fianco troviamo la figura della moglie di Antonio Lòpez Garcìa che sta dormendo sul letto coniugale. Un’immagine toccante di vita quotidiana,

Mostra Segafredo4art Vicenza

La seconda sezione è dedicata alla notte come luogo dove sono ambientate le storie sacre e troviamo Giorgione, Tintoretto, Caravaggio, Gentileschi.

Si prosegue con una stanza dedicata all’incisione dove l’artista di più grande rilievo è Rembrandt.
Si passa poi alla sezione dei paesaggi con i grandi romantici per arrivare ai grandi realistici.

Troverete Monet e i suoi tramonti a Venezia e Mondrian ancora figurativo (con la sua campagna olandese) prima del suo astrattismo.

I pittori astratti rappresentano la notte come un luogo che sta dentro di noi. Non ha confini, si apre all’infinito, la notte come pensiero.

Nell’ultima stanza troviamo invece una sorta di riassunto della mostra, passando da Giordano, Gogain, Caravggio e Van Gogh (emblematico il quadro che ho messo in apertura che è stato eletto a simbolo della mostra)

Di seguito trovate le opere che opere che più ho apprezzato sperando di trasmettervi un po’ di quella magia che abbiamo sentito noi visitando questa mostra.

Mostra Segafredo4art Vicenza

Van Gogh, Campo innevato con aratro, verso sera.

Mostra Segafredo4art Vicenza

Edward Hopper, L’Emporio, un quadro che esprime tutta la solitudine della notte descrivendo una città deserta.

Mostra Segafredo4art Vicenza

Francis Bacon, Frammenti di una crocifissione. Un’opera che esprime tutta l’inquietudine della notte, rappresentando questa crocifissione coma una figura, quasi un mostro urlante.

Mostra Segafredo4art Vicenza

Caravaggio, Marta e Maria Maddalena.

Mostra Segafredo4art Vicenza

Antonio Lòpez Garcìa, Grande Finestra che rappresenta la notte all’esterno osservata da una finestra.

Io spero in qualche modo di essere riuscita a comunicarvi la bellezza di questa mostra e vi invito ad andarla a vedere.
Vi ricordo che è a Vicenza, nella Basilica Palladiana, fino al 2 Giugno.

e per voi? cos’è la notte?

Mostra Segafredo4art Vicenza

Social

Ultimi articoli:

  • Dove mangiare a Malta e a Gozo

    10 Maggio 2024
  • Polpette di pollo con spinacino

    08 Maggio 2024
  • Agretti in padella con acciughe e olive

    18 Aprile 2024
  • Torta salata con porri, zucchine e senape

    04 Aprile 2024

I miei libri

Scrivo per:

Instagram

Scrivi un commento

  1. Tery B Febbraio 16, 2015 at 12:15 pm - Reply

    Deve essere bellissimo poter vedere un museo di notte!!! Già di giorno ha quel non so che di magico, ma di notte deve essere un mix di entusiasmo e soggezione. Bellissima esperienza!!!

  2. Marta Febbraio 16, 2015 at 4:45 pm - Reply

    davvero, una serata magica!