3DPasta, un viaggio nel futuro

19 Settembre 2016

Si è parlato molto ultimamente della stampante 3D ma la novità è che si è riusciti a stampare anche la 3Dpasta ed è in corso l’ambizioso progetto di portarla nei ristoranti per la creazione di piatti che, oltre ad essere gustosi, siamo anche di design.

Qualche giorno fa ho assistito ad un evento all’interno della mostra “New Craft” alla Triennale di Milano, dove Barilla ha presentato la sua 3Dpasta e Davide Oldani l’ha cucinata in modo chiaramente innovativo. Per la ricetta è stata usata “Vortipa”, uno dei formati creati con la stampante 3D.

Il rivoluzionario progetto è nato 4 anni fa dalla collaborazione di Barilla con il Centro di Ricerca Olandese TNO e ha dato vita a questa stampante capace di stampare la pasta in 3D fatta di semola e acqua. I primi prototipi venivano stampati in 2o minuti. Ora in pochi minuti si stampano più campioni di pasta.

La pasta cuoce in pochi secondi, come una pasta fresca, ma la sua consistenza poi è quella di una pasta secca. Corposa e bella da vedere.

Davide Oldani l’ha servita con una crema di melanzane, mandorle e anguria. Assaggiarla è stata una bella scoperta.

Trovo questa pasta davvero molto bella e credo che il suo utilizzo nei ristoranti possa essere vincente.

Chissà se presto arriverà anche nelle tavole di tutti!

img_4545

Contenuto sponsorizzato.

Social

Ultimi articoli:

  • Torta salata con porri, zucchine e senape

    04 Aprile 2024
  • Wrap con fogli di carta di riso e gamberi

    29 Gennaio 2024
  • Alberelli di brie con miele e noci

    04 Gennaio 2024
  • Torta di pasta fillo con feta e timo

    13 Dicembre 2023

I miei libri

Scrivo per:

Instagram

Scrivi un commento